Scuola è…accogliere: i primi giorni della classe 1^A

By Alice Bolzonello / 4 Novembre 2021

È  arrivato il momento della ripresa scolastica!
Il primo giorno di scuola rappresenta un momento carico di significato, denso di emozioni e che richiama in ciascuno di noi un vissuto particolare. 
Anche per la classe 1^A questo giorno è arrivato: i nostri nuovi piccoli alunni sono pronti intraprendere un nuovo emozionante percorso!
La felicità, la gioia , la spensieratezza e anche un po’ d’ansia si intravedono nei loro occhietti fuori dei cancelli.
Sono queste, infatti, le emozioni che hanno accompagnato e che tuttora accompagnano qualsiasi primo inizio. Ad attendere i bambini e i genitori ci sono stati gli insegnanti pronti ad accogliere le nuove famiglie nell’Istituto.

Amazon.it: Chissadove. Ediz. a colori - Valentini, Cristiana, Giordano,  Philip - Libri
L’albo illustrato di accoglienza per le Famiglie. “Chissadove” ed. Zoolibri

Gli alunni, nei giorni antecedenti l’inizio ufficiale dell’anno, hanno potuto godere di mattinate dedicate, per permettere loro un approccio sereno nella scoperta degli ambienti, dei compagni, della comunità e del corpo docente.
Ma non solo! Anche i genitori hanno avuto modo di conoscere ciò in cui la nostra Scuola crede, grazie ad un momento pensato per loro. Durante questi primi istanti di condivisione, oltre a conoscere le insegnanti, la comunità e l’organizzazione scolastica, essi hanno potuto cogliere ciò che ci sta più a cuore, l’alleanza educativa con le Famiglie.
Per fare ciò, ci è venuta in aiuto la narrazione: l’albo Chissadove ha fatto da cornice al nuovo percorso scolastico intrapreso dai bambini, che come piccoli semini hanno iniziato a librarsi nel vento per divenire, un giorno, pianta robusta.

Ecco le parole delle Famiglie per descrivere questi primi giorni nella nostra Scuola:

Anna Lisa, mamma di Christopher, scrive: «Le nostre giornate dell’accoglienza, per me mamma, ma ancora prima, come ex allieva, sono state programmate molto al dettaglio.
Rispetto ai miei tempi, ora hanno molta più attenzione nel far sentire il bambino in una grande famiglia, senza catapultarlo, immediatamente, in un mondo per lui tutto nuovo.
Giornate piene di batticuori e tante cose nuove da scoprire, dalla loro nuova classe, ai nuovi compagni, le nuove maestre….una centrifuga di emozioni.
Alla fine Christopher ha iniziato il suo nuovo percorso conoscendo già la nuova scuola e quindi non ha avuto problemi ad integrarsi o ad adattarsi.»

Manuela, mamma di Riccardo, scrive: «Per noi non è la prima esperienza in questo istituto, ma devo dire che l’accoglienza è stata comunque emozionante. Vedere i nostri bambini sereni nei primi giorni del loro nuovo percorso è stato bello.
La scuola, lo staff, tutti sono riusciti a non far pesare loro le limitazioni del momento, accogliendoli uno ad uno come in una grande comunità. Grazie!»

Tanya, mamma di Enea, scrive: «I giorni di accoglienza sono stati per noi molto emozionanti, sia per noi genitori (nel vederlo varcare il cancello della scuola con lo zaino in spalla una piccola lacrimuccia è scesa…), sia per il nostro “piccolo” alunno (così felice di vestirsi e prepararsi per andare a scuola…).
Tutte emozioni positive perché il clima che abbiamo “respirato” nei giorni di accoglienza e che continuiamo a respirare tutti i giorni, è di serenità, di condivisione,  di gioia. Tutto questo confermato dai racconti del nostro bimbo, così entusiasta delle attività  fatte a scuola e delle nuove  maestre. Per questo siamo felici della nostra scelta, di aver affidato a questa scuola e a tutte le persone presenti in questa scuola, la crescita del nostro bimbo

Chiara, mamma di Jacopo, scrive: «Le mattinate di accoglienza per i bambini di prima elementare sono state importanti per i piccoli, ma anche per noi genitori. Jacopo si è sentito accolto ed ha potuto capire meglio a cosa stava andando incontro e, più concretamente, i vari ambienti della scuola e i riferimenti delle sue insegnanti. È stato bello poter avere un momento dedicato a loro che, da un giorno all’altro, sono passati dalla scuola dell’Infanzia alla scuola Primaria, una bella differenza da molti punti di vista, ancora di più nel periodo storico difficile che tutti stiamo vivendo. L’accoglienza ha permesso ai bambini di fare questo passo con tenerezza e senza creare stress e paure.
Come genitori ringraziamo, tutti i membri dell’istituto Maria Ausiliatrice per aver permesso questo ingresso con dolcezza e dedizione.»

Alessandra Speronello, insegnante prevalente 1^A
Anna Lisa, mamma di Christopher 1^A
Manuela, mamma di Riccardo 1^A
Tanya, mamma di Enea 1^A
Chiara, mamma di Jacopo 1^A